Luca Sigurta

Tangle é un' installazione sonora basata sull'utilizzo di lettori a cassetta e loop di diversa lunghezza tagliati ed incollati in maniera casuale. I nastri, precedentemente incisi da Luca Sigurtá con materiale originale, girano contemporaneamente, fino a che non si logorano e spezzano, o fino a che le batterie dei walkmen non si esauriscono.

Sigurtá esplora con Tangle il territorio della casualitá e dell'errore, dell'imperfezione analogica. La riflessione sull' infallibilitá della post produzione e sull'inutile perfezione del digitale prende forma in un "garbuglio", vivo, dove il difetto non é una mancanza da censurare artificiosamente; dá anzi vita ad un segno spaziale e sonoro ricco, "una ricerca dell'umanitá che con il digitale si é sempre piú andato a perdere", sottolinea Luca Sigurtá. Errore ed evoluzione sono intrecciati senza soluzione di continuitá, scorrono insieme da sempre, come i loop di Tangle. Da questo punto di vista, concetti come errore, scarto, imprevedibilitá, anormalitá perdono molta della loro nettezza. "Qualsiasi cosa puó andare", sostiene Feyerabend, é il principio che sottende di fatto a tutto il metodo scientifico, e non solo.

Appassionato ed affascinato dal rumore e dal silenzio, Luca Sigurtà ha all’attivo numerose produzioni su altrettante etichette tra cui Fratto9, Creative Sources, Afe Records, Lisca Records, Dokuro, Tulip, Karl Schmidt Verlag. Ha collaborato/registrato con: To Live And Shave In LA, Andy Ortmann, Jean-Luc Guionnet, Praying for Oblivion, Claudio Rocchetti, UR, Der Einzige, Sanair, Fhievel, xNoBBq, ecc.
Con il suo progetto solista, ha recentemente pubblicato l’album “Bliss”, lo split in vinile con la leggendaria band noise statunitense Panicsville e in primavera uscirà il disco realizzato con lo spagnolo Francisco Lopez.
E’ entrato a far parte dei Luminance Ratio nel 2010, con cui ha pubblicato un 7” split con Steve Roden e con Oren Ambarchi. Nel 2005 fonda la band weird noise band Harshcore. Ha creato nel 2012 l’etichetta discografica Kinky Gabber. Nella sua intensa attività live usa nastri, apparecchiature analogiche e altra spazzatura elettronica.

-

Tangle is a sound installation based on the use of tape players and loops of different lengths, random cut and pasted. The tapes, previously recorded by Luca Sigurtá with his original material, rotate at the same time, until they use up and break, or until the battery runs out.

With Tangle, Sigurtá explores the territory of chance and error, of analogue imperfection. The reflection on infallibility of post production and on digital perfection takes the shape of a "tangle", alive, where the glitch is not a lack to be artificially censored; it gives life, rather, to a rich spatial and audio sign, "a research of humanity that the digital is increasingly going to lose", as said by Luca Sigurtá. Error and evolution are ceaselessly interwoven, flowing together all along, like physical loops in "Tangle" installation. From this point of view, concepts such as error, scrap, unpredictability, abnormalities lose much of their sharpness. "Anything goes", Feyerabend says, is, factually, the underlying principle of the scientific method, and not only.

Influenced by noise and silence, Luca Sigurtà has realeased numerous sound productions on many labels including Fratto9, Creative Sources, Afe Records, Lisca Records, Dokuro, Tulip, Karl Schmidt Verlag. He has collaborated / recorded with: To Live And Shave In LA, Andy Ortmann, Jean-Luc Guionnet, Praying for Oblivion, Claudio Rocchetti, RH, Der Einzige, Sanair, Fhievel, xNoBBq, etc..
He has recently released the solo album "Bliss", and a split vinyl with the legendary noise band U.S. Panicsville and this spring he will be release a record created with the spanish musician Francisco Lopez.
He joined Luminance Ratio in 2010, with whom he released a record 7 " vinyl with Steve Roden and Oren Ambarchi. In 2005 he founded the harsh-noise band Harshcore, and created in 2012 the label Kinky Gabber. In his intense live activity Luca Sigurtà uses tapes, analog equipment and other electronic junk, that is his soul inspiration for installations.

 

more info