Massimo Palazzi

My father wrote on photo technique until he died, just when digital photography started taking over films and argentic paper. When I was a child, I loved to spend my time in the darkroom with him. There was a lot of magic and mistery in the whole ritual of the printing process. The precise timing, the dark environment, the chemicals and their smell, the red light looked so fascinating to me. Most of all, I was impressed by how images were revealed by the developing bath. I still have some of the torn pieces of black and white paper, that I use to take out of the darkroom rubbish dump and collect.

Mio padre ha scritto di tecnica fotografica fino alla morte, avvenuta proprio quando la fotografia digitale cominciava ad avere il sopravvento su pellicole e carte sensibili. Da bambino, mi piaceva passare il tempo in camera oscura con lui. C'era tanta magia e mistero in tutto il rituale del processo di stampa. I tempi precisi, l'ambiente buio, i chimici e il loro odore, la luce rossa mi sembravano particolarmente affascinanti. Soprattutto ero impressionato dal modo in cui le immagini erano rivelate dal bagno di sviluppo. Ho ancora alcuni dei pezzi di carta bianco e nero strappati che ero solito salvare dagli scarti della camera oscura e collezionare.